Microsoft “gioca il jolly” per cercare di favorire il suo servizio di posta elettronica, Outlook.com: un jolly chiamato Skype. La società di Redmond ha annunciato la prossima integrazione dei due servizi, attraverso un’icona inserita nella parte destra dello schermo, a fianco delle email in arrivo. Si potrà dunque chattare con i propri contatti, ricercare utenti, avviare chiamate VoIp e videochiamate senza dover uscire da Outlook.com né dover aprire una seconda scheda di navigazione del browser.

L’integrazione, ha spiegato Microsoft in un blog post, sarà effettiva “nei prossimi mesi”. E andrà ad aggiungersi ai miglioramenti introdotti di recente in Outlook.com, come nuovi temi, una più semplice condivisione di file e allegati su OneDrive, funzioni di ricerca più rapide e altro ancora. Come ulteriore passo, l’azienda ha avviato il roll out della nuova versione di Skype integrata nel client di posta, per quanto ancora in versione beta.

Come funziona il tutto? “Cliccando sull’icona di Skype”, illustra il blog post, “si apre la sidebar di Skype. Da qui è possibile vedere quali amici siano online, visualizzare conversazioni recenti e cercare contatti Skype”. Per avviare chat singole o di gruppo sarà sufficiente cliccare sul contatto o sulla conversazione precedentemente interrotta, esattamente come si fa dall’applicazione di Skype, mentre per le chiamate voce e video sarà necessario installare un plugin. Condizione quasi obbligatoria, tutte le chat vengono sincronizzate attraverso l’account Skype da un dispositivo all’altro, sia che si acceda via Outlook.com, sia da browser o dall’applicazione mobile.

 

 

La nuova, più stretta relazione con Skype sottolinea ancora una volta il tentativo di spingere gli utenti verso la ex Hotmail, servizio che nel tempo è sicuramente diventato più competitivo, ripetutamente svecchiato nell’interfaccia e arricchito di funzioni social. Non abbastanza, tuttavia, per competere con Gmail e (almeno in campo consumer) con Facebook Messenger. In febbraio Microsoft aveva rimosso l’integrazione delle chat di Gmail e Facebook all’interno di Outlook.com, spianando la strada e riservando l’esclusiva a Skype.