NetApp è pronta ad allargarsi con una nuova acquisizione. L’azienda californiana, specializzata in software e servizi per lo storage e più in generale per la gestione dei dati, si prepara a comprare CloudCheckr, società che si occupa più nello specifico di fornire visibilità per la gestione degli ambienti cloud. Più precisamente, il software di CloudCheckr permette di avere un unico punto di vista e di controllo per gestire infrastrutture più o meno complesse, anche multicloud, ottenendo sicurezza, compliance e riduzione dei costi. 

L’accordo di acquisizione permetterà al compratore di estendere la propria piattaforma CloudOps di Spot by NetApp (e in particolare FinOps, cioè la parte relativa alla gestione dei costi), nella quale verrà integrata la tecnologia di  CloudCheckr. Quest’ultima apporterà funzioni di  visibilità sui costi critici e di reporting, che si combineranno con l’ottimizzazione continua dei costi e dei servizi gestiti da Spot by NetApp.

“L’integrazione di Spot By NetApp e CloudCheckr creerà una suite integrata di soluzioni sinergiche e complementari per gestire l’infrastruttura multi-cloud per i nostri clienti e partner”, ha dichiarato Tim McKinnon, Ceo di CloudCheckr. “Il team di CloudCheckr è entusiasta di unirsi a NetApp e di contribuire alla ad affermare leadership dell’azienda nello spazio FinOps”.

“La gestione dei costi e la spinta delle applicazioni cloud rappresentano una sfida significativa per le organizzazioni il cui scopo è quello di massimizzare il Roi dei loro investimenti cloud, mantenendo comunque elevati standard di performance”, ha sottolineato Anthony Lye, Executive Vice President e General Manager della Business Unit Public Cloud Services di NetApp. “Inoltre, con l’analisi della fatturazione cloud, la gestione dei costi, le feature di compliance del cloud e quelle di sicurezza della piattaforma CloudOps attraverso l’acquisizione di CloudCheckr, permettiamo alle organizzazioni di distribuire l’infrastruttura e le applicazioni aziendali più velocemente, riducendo costi operativi e di capitale. Un passo avanti fondamentale nella nostra strategia FinOps e un’accelerazione della nostra posizione di leadership. In poche parole, meno costi e più cloud, solo grazie a NetApp.” 

L’ampliamento dell’offerta per le Cloud Operations (rivolta sia alle aziende clienti finali, sia ai fornitori di servizi gestiti) continua, dunque, per NetApp con questa nuova acquisizione dopo quella di Data Mechanics risalente allo scorso giugno. Nel primo trimestre (terminato al 30 giugno) dell’anno fiscale in corso NetApp ha ottenuto 1,46 miliardi di dollari di ricavi, dato in crescita rispetto agli 1,3 miliardi di dollari dell’analogo periodo dell’anno precedente.