Il 5G inizia a prendere piede nel mercato degli smartphone, con un tasso di penetrazione arrivato al 34% nelle vendite di fine 2020, ma gli ambiti di destinazione di questa tecnologia spaziano dalle app per l’utente finale alle infrastrutture di smart city, dall’automotive all’Internet of Things. Qualcomm, uno tra i protagonisti del mercato con la piattaforma Snapdragon, continua a investire sul 5G con la pianificata apertura di un nuovo centro di ricerca e sviluppo europeo, ubicato in Francia. Più precisamente, l’annuncio è stato fatto da  Qualcomm Communications Sarl, filiale francese della società californiana che opera attraverso la sede di Parigi e quella di Sophia Antipolis, in Costa Azzura .

 

Nelle intenzioni di Qualcomm, questa iniziativa le permetterà di “guidare lo sviluppo del 5G a livello locale, regionale e globale”. Il nuovo centro R&D sarà strutturato su due sedi, una a Lannion, in Bretagna, e una Issy Les Moulineaux nella regione di Parigi. Qualcomm ha spiegato di aver lavorato con il governo francese “per far crescere Lannion come centro di ingegneria leader delle telecomunicazioni e per mantenere i migliori talenti e le competenze tecnologiche in questo settore”.   

 

“Il nostro primo ufficio in Europa è stato aperto in Francia oltre vent’anni fa”, ha ricordato Wassim Chourbaji, vicepresident senior, affari governativi di  Qualcomm Communications Sarl, “e questa nuova struttura di R&D 5G rafforza il nostro rapporto sia con la Francia sia con l'Europa. L'Europa sta rapidamente diventando un epicentro per la leadership tecnologica di R&D e siamo incredibilmente orgogliosi di farne parte"Enrico Salvatori, senior vice-president e presidente per la regione Europe/Mea di Qualcomm Europe, ha invece sottolineato che il nuovo centro “servirà a rafforzare ulteriormente le nostre capacità di R&D nella regione europea e ci aiuterà a rimanere all'avanguardia dell'innovazione tecnologica a livello globale”.

 

Qualcomm ha recentemente presentato la piattaforma Snapdragon 480, con supporto alle connessioni 5G multi-gigabit grazie al modem modem-RF 5G Snapdragon X51 integrato al suo interno. Sarà destinata a nuovi smartphone di fascia media in uscita nel 2021.