Giro di poltrone e operazioni di mercato per Servicenow. L’azienda ha annunciato che l’ex direttore operativo di Dropbox, Dennis M. Woodside è entrato nel board della società. Il nuovo presidente del consiglio di amministrazione sarà Fred Luddy, fondatore di Servicenow, che succederà al Ceo Frank Slootman. Woodside ha svolto il ruolo di Coo di Dropbox per quattro anni e, prima di unirsi a uno dei protagonisti del cloud storage, ha collaborato con Motorola Mobility e Google. Laureato in giurisprudenza alla Stanford Law School, il dirigente ha conseguito anche il bachelor of science in relazioni industriali della Cornell University. Woodside, fra le altre cose, dovrà ora prendersi carico anche della fresca acquisizione di Vendorhawk, fornitore di prodotti di gestione delle soluzioni Software-as-a-Service.

La società aiuta i clienti a scoprire, razionalizzare e ottimizzare gli abbonamenti ai servizi SaaS all’interno delle imprese. Vendorhawk supporta ad oggi oltre 36mila applicazioni e la sua tecnologia verrà integrata da Servicenow all’interno della piattaforma Software Asset Management. L’offerta sarà effettiva a partire dalla release del 2019. L’acquisizione (in contanti) dovrebbe concludersi già questo mese.

L’annuncio dell’accordo con Vendorhawk è stato dato in concomitanza della pubblicazione dei conti per il primo trimestre 2018. Nel periodo gennaio-marzo, Servicenow ha registrato ricavi per 589,2 milioni di dollari, in crescita del 37 per cento anno su anno. Il fatturato derivante dalle sottoscrizioni è stato di 543,3 milioni, in aumento del 40 per cento rispetto allo stesso periodo del 2017.

L’utile netto si è attestato a quota 10,6 milioni, per un utile per azione (Eps) di sei centesimi di dollaro. “Questi numeri eccezionali sono dovuti a 21 transazioni superiori al milione di dollari per nuovi contratti annuali e alla solidità di tutto il nostro portfolio”, ha spiegato Michael Scarpelli, chief financial officer di Servicenow. Per tutto l’anno fiscale 2018 l’azienda si aspetta ricavi derivanti da sottoscrizioni leggermente superiori a 2,4 miliardi di dollari, per una crescita sul 2017 del 38-39 per cento.