La “nuova” Veeam, diventata da qualche mese proprietà di un fondo di private equity statunitense, comincia a fare acquisti e ad allargarsi: lo fa con l’acquisizione di Kasten, azienda specializzata in soluzioni di backup e disaster recovery per Kubernetes e già partner commerciale del compratore. L’acquisto, annunciato ufficialmente, è costato a Veeam  150 milioni di dollari in contanti e azioni, e le permetterà di espandere la propria offerta rivolta agli ambienti IT basati su container. 

L’investimento è motivato dalle previsioni di crescita sull'impiego dei container da parte delle aziende: secondo 451 Research (società di ricerca parte di S&P Global Market Intelligence), circa il 75% delle organizzazioni lavorative usa attualmente o ha in programma di utilizzare Kubernetes entro i prossimi due anni. Come ormai noto, i container sono uno strumento centrale per la metodologia DevOps e sul mercato Kubernetes si è imposta come piattaforma di orchestrazione protagonista.

Veeam intravede in questo scenario una “significativa opportunità” per chi, come lei, propone soluzioni di protezione dei dati e ambisce a “supportare i propri clienti nel loro percorso di digital transformation e nell’implementazione di architetture di nuova generazione”. In seguito all’acquisizione, Veeam integrerà Kasten all’interno della propria piattaforma di Cloud Data Management. La piattaforma Kasten K10 continuerà a essere disponibile in modo indipendente, ma sarà anche integrata all’interno di Veeam Backup & Replication per offrire alle aziende una soluzione di data management completa, adattabile a server fisici, macchine virtuali, applicazioni SaaS, workload cloud e ambienti containerizzati.

 

“Veeam è nata per offrire la migliore soluzione per la protezione dei dati all’interno di infrastrutture virtuali e moderne, e abbiamo continuato ad ampliare la nostra offerta includendo protezione per gli ambienti fisici e cloud”, ha commentato Danny Allan, chief technology officer e senior vice president of Product Strategy di Veeam. “L’acquisizione del nostro partner Kasten rappresenta un ulteriore, importante passo per supportare i nostri clienti nel percorso di adozione di soluzioni container, assicurando loro protezione dei workload nativi Kubernetes in ambienti on-premises e multicloud”.

 

 “Lo scenario delle applicazioni sta cambiando: da monoliti si stanno rapidamente trasformando in container e microservizi”, ha rimarcato Niraj Tolia, cofondatore e Chief Executive Officer di Kasten. “Kubernetes è al centro di questo cambiamento infrastrutturale e le innovazioni di Kasten nella gestione di dati Kubernetes nativi insieme con l’expertise di Veeam nel Backup on-premises e in ambienti multicloud, porteranno avanzamenti significativi nel data management”. Tolia opererà all’interno della nuova business unit in qualità di presidente e direttore generale, mentre l’altro fondatore di Kasten, Vaibhav Kamra, assume il ruolo di chief technology officer.