In 5G mmWave, quello che viaggia su onde millimetriche, potrà garantire maggiore velocità alle applicazioni e concretizzare il vero potenziale di questa tecnologia di rete mobile. Ma per portarlo all’interno di infrastrutture e servizi è necessario più spettro. Un appello a governi e regolatori europei, affinché rendano disponibile lo spettro a 26 GHz, è il messaggio al centro di un nuovo report commissionato da Nokia e Qualcomm a Plum Consulting. Citando dati della Gsm Association (Gsma), il rapporto sottolinea il legame tra la disponibilità di spettro e la crescita economica del prossimo decennio.

Secondo le stime di Gsma, il 5G permetterà di sviluppare in quindici anni (fra il 2020 e il 2034) circa 2.200 miliardi di dollari di prodotto interno lordo. Di tale somma, le applicazioni mmWave rappresenteranno circa il 25% ovvero 565 miliardi di dollari. 

“La comunicazione mobile ha contribuito significativamente al progresso economico e sociale in Europa e in altre parti del mondo”, ha commentato Tony Lavender, managing partner di Plum Consulting. “Le caratteristiche supportate dal 5G abiliteranno nuovi dispositivi, applicazioni e modelli di business. Tuttavia, la realizzazione di tutti i benefici del 5G per i consumatori, l'industria e i settori aziendali richiede l'accesso allo spettro mmWave. È quindi importante che i regolatori nazionali si consultino e implementino il quadro normativo più appropriato, compresa la condivisione dello spettro, come priorità per liberare il pieno potenziale della banda 26 GHz”. 

 

La banda 26 GHz rientra nel range delle onde millimetriche, che partono da 24 GHz. Il mmWave supporta larghezze di banda molto elevate ed è ideale per le applicazioni a bassa latenza. A detta di Nokia e Qualcomm, lo spettro 26 GHz dovrà essere concesso “con le giuste condizioni di licenza per gli operatori di rete mobile e per l'uso industriale privato”. Tra le raccomandazioni inserite nel rapporto di Plum Consulting ci sono la rimozione delle barriere di ingresso per promuovere l'uso del 26 GHz,  l'abbassamento del suo costo (che dovrebbe essere inferiore a quello di altre bande), l'attuazione di incentivi fiscali, detrazioni fiscali o piani di ammortamento speciali per gli operatori di rete. Inoltre le frequenze dovrebbero essere assegnate a chi ne fa richiesta in modo tale da incoraggiare gli investimenti.

In Europa si contano già diverse sperimentazioni di applicazioni 5G su 26 GHz, come quella utilizzata nella stazione  ferroviaria di Rennes per migliorare i servizi di trasporto e supportare le attività di riparazione e manutenzione predittiva dei treni. Sempre in Francia, nel l porto marittimo di Le Havre, un test di 5G su 26 GHz è stato avviato per sperimentare attività di gestione delle reti, analisi dei dati sulla mobilità, ricarica dei veicoli elettrici, logistica portuale el funzionamento dei macchinari dei container.

Nel Regno Unito, invece, Qualcomm Technologies fornirà moduli mmWave ad alta frequenza per applicazioni 5G di agricoltura robotica. In una cinquantina di città italiane, inoltre, sono già disponibili servizi commerciali di 5G mmWave su Fixed Wireless Access (Fwa), e secondo il report si arriverà a 500 città entro la fine di quest’anno. 

“Il 5G mmWave ha il potenziale per essere il catalizzatore per rivoluzionare la connettività ultra veloce per tutti,  che si tratti di consumatori, imprese, auto, fabbriche, agricoltura o altro”, ha commentato. Wassim Chourbaji, senior vice president, government affairs per l’Emea di Qualcomm. Ha il potenziale, con l'accesso wireless fisso, di colmare finalmente il divario digitale, che è diventato particolarmente evidente durante la pandemia di covid-19. È urgente mettere in atto un quadro completo da parte dei regolatori nazionali per rendere disponibile il 26GHz. Sarà la base della ripresa economica e della trasformazione digitale”.

“Il 5G mmWave detiene la chiave per sbloccare una nuova categoria di esperienza utente nelle aree urbane, nonché nuovi casi d'uso che creano valore in vari settori”, ha detto Jan van Tetering, senior vice president, head of Europe di Nokia. “Il più recente portafoglio di prodotti AirScale di Nokia offre le prestazioni associate al 5G, fornendo connettività ad alta capacità e super veloce. L'Europa deve agire rapidamente per colmare il divario con altre aree geografiche dove la tecnologia è già in fase di implementazione”.