Fujitsu presenta i nuovi server Primergy M6, una gamma di sistemi dual-socket ad alte prestazioni, che si affianca al server Primergy RX2450 M1 con processore Amd Epyc, recentemente introdotto nell’offerta. Disponibili in Italia attraverso Finix Technology Solutions, distributore in esclusiva del marchio Fujitsu nel nostro Paese, i Primergy M6 di nuova generazione introducono alcune caratteristiche innovative, oltre a poter essere personalizzabili e modificabili nel tempo. 

A detta del produttore, possono essere sfruttati per creare “una piattaforma flessibile e dinamica per un'architettura software-defined, iperconvergente, container-based oppure ibrida”, e inoltre permettono di realizzare una infrastruttura scalabile, che potrà essere ampliata e aggiornata in base alle future esigenze. Tutti i modelli della nuova gamma impiegano processori Intel Xeon Scalable di terza generazione e memoria persistente Intel Optane 200 Series, caratteristiche che consentono di ottenere elevate prestazioni di calcolo. 

Fujitsu Primergy GX 2570 M6 (in alto, il modello RX2540 M6)

 

Più nel dettaglio, a seconda delle configurazioni si possono avere fino a 40 core per Cpu, TDP da 105W a 270W, tre link UPI da 11,2 GT/s, 64 lane di I/O per socket. Per quanto riguarda la capacità di memoria, si può arrivare a un massimo di otto canali (con supporto DIMM DDR4 fino a 256GB); la memoria persistente Intel Optane 200 Series può avere fino a 512GB di PMem. Grazie all’interfaccia PCI Express 4.0, questi server possono, inoltre, garantire prestazioni I/O doppie rispetto a quelle di un PCIe 3.0 con un massimo di 128 lane. Una caratteristica innovativa è l’impiego di unità di memoria con Enterprise and Datacenter SSD Form Factor (Edsff), un fattore di forma che migliora la gestione termica, l'alimentazione e la scalabilità. La funzione Platform Firmware Resilience protegge il firmware, rileva eventuali corruzioni e permette di ripristinare i backup a uno stato funzionante conosciuto. 

Tre le tipologie proposte: modelli standard RX (rack), progettati per la virtualizzazione dei data center, la collaborazione, i workload tradizionali e i database in-memory;  modelli GX, orientati alle prestazioni e pensati invece per attività di data science, deep learning, data analytics, ambienti Vdi (Virtual Desktop Infrastructure) e workload che necessitano di un ricorso intensivo a capacità grafiche; modelli CX, infine, cioè sistemi multinodo ad alta densità per high performance computing (Hpc), adatti per esempio per sostenere servizi Web e trading desk finanziari. 

“I nuovi server Primergy M6”, ha commentato Manuela Chinzi, sales director di Finix Technology Solutions, “offrono tutti i vantaggi dei processori scalabili Intel Xeon di terza generazione, ottimizzati per molte tipologie di carichi di lavoro e livelli di prestazioni. Grazie all’ampia offerta di modelli e alle nostre capacità di disegnare la soluzione più adatta, possiamo creare valore data-driven per clienti e partner”.   

La nuova gamma propone diverse configurazioni, in base alle quali variano anche i prezzi e le disponibilità. I server Primergy RX2540 M6 e Primergy RX2530 M6 potranno essere ordinati dal mese di giugno, i Primergy GX2570 M6, Primergy CX400 M6 e i dual node Primergy CX2550 M6 e Primergy CX2560 M6 a partire da agosto.