Migliorare il servizio e accorciare le distanze per i clienti europei è la strategia inseguita da Equinix in questi mesi. La società di servizi di rete e data center ha inaugurato nei giorni scorsi un nuovo data center International Business Exchange (Ibx) ad Amsterdam, città da cui Equinix già fornisce connessioni alle reti di circa 150 provider, e da cui garantisce accesso a piattaforme cloud come Amazon Web Services, Google Cloud Platform, Microsoft Azure, Microsoft Office 365, Oracle e Ibm Softlayer.

La struttura, identificata come AM4, è frutto di un investimento di 113 milioni di dollari. L'inaugurazione del data center olandese segue a stretto raggio l'annuncio di ulteriori lavori in corso per realizzare un nuovo centro Ibx a Francoforte, città in cui Equinix è già presente con altri cinque data center. Quello di Amsterdam è sostanzialmente un ampliamento, che trova posto nel campus Science Park dove già l'azienda opera con un precedente data center (AM3), ubicato in mezzo a startup, centri per l'innovazione e software house olandesi.

Nel nuovo edificio da venti piani hanno trovato spazio oltre 1.500 armadi, che dive4.200 nteranno a regime. Da qui, a detta di Equinix, si possono fruire servizi estesi a tutta l'Europa con una lantenza di 50 millisecondi. Si può avere accesso, inoltre, alle offerta di oltre 700 aziende clienti e alle reti di 150 fornitori di servizi di rete.