Uno storage in cloud su Amazon Web Services, completamente gestito, utile per progetti di migrazione sulla nuvola e  completo di funzioni di backup e ripristino? Da oggi esiste: si chiama Amazon FSx per NetApp Ontap e, come il nome suggerisce, è frutto di una collaborazione tra NetApp e Aws. Si tratta del primo e per ora unico sistema di storage autonomo appoggiato ad Aws, la cui disponibilità generale è appena stata annunciata. 

 

Il servizio permette di lanciare ed eseguire file system NetApp Ontap completi e completamente gestiti nel cloud, e viene proposto come uno strumento utile per realizzare una migrazione in cloud su larga scala dei carichi di lavoro on-premises. Le applicazioni possono essere spostate su Aws senza necessità di refactoring o di riprogettazione dell’architettura. Il servizio può anche servire ad accelerare i cicli di sviluppo e test delle nuove applicazioni.

 

Tecnicamente, Amazon FSx per NetApp Ontap è un servizio nativo di Aws alimentato dal software Ontap di Netapp. Include funzioni di storage a file e a blocchi per sistemi Windows e Linux, ed è completo di strumenti di bursting, backup e ripristino che semplificano e rendono più sicura la migrazione dei dati. Per NetApp questo debutto è l’estensione di un’offerta mirata a garantire alle aziende la continuità operativa, l’ubiquità e la gestione dei dati. 

 

 

 

Questo nuovo servizio Aws”, ha spiegato Anthony Lye, Executive Vice President & General Manager Public Cloud di NetApp, “rende facile e conveniente lanciare ed eseguire lo storage condiviso per carichi di lavoro Windows e Linux, offrendo al contempo la suite di servizi dati di livello enterprise di NetApp, il tutto in un'esperienza nativa Aws. Per NetApp, questo momento rappresenta il culmine di anni di duro lavoro e di innovazione continua per portare Ontap nel cloud. Da sempre affidabili nel data center, ora siamo il primo e unico ambiente di storage veramente abilitato per il cloud ibrido e integrato nativamente in ciascuno dei principali provider di cloud pubblici.