Alexa si prepara a un lungo viaggio, dalle strade percorse da automobili connesse fino allo spazio. Al Consumer Electronics Show (Ces) di Las Vegas gli annunci di Amazon hanno come protagonista il software di assistenza vocale e intelligenza artificiale più famoso al mondo. Un software a cui i confini degli smart speaker Echo vanno ormai stretti. A prescindere da quale dispositivo utilizziamo, da oggi possiamo formulare la richiesta “Alexa, portami sulla luna” per restare aggiornati con i progressi di Artemis I, la missione Nasa in partenza la prossima primavera.

All’interno della navicella Orion ci sarà Callisto, un sistema di comunicazione e controllo realizzato da ingegneri di Amazon, Lockheed Martin e Cisco. Di quest’ultima è la tecnologia Webex, integrata nel sistema, mentre il contributo di Amazon è proprio Alexa: uno degli obiettivi di questa iniziativa è quello di testare l’uso delle tecnologie di assistenza vocale al servizio degli astronauti (e delle astronaute, perché Artemis I sarà la prima missione spaziale a portare una donna sulla luna). Se la sperimentazione avrà successo, l’impiego di Alexa potrà essere esteso a future missioni Nasa. Callisto è anche equipaggiato con la tecnologia “locale” di controllo vocale di Amazon, che permette ad Alexa di funzionare anche in assenza di connettività.

 

 

Ma l’assistente vocale, come dicevamo, si prepara anche a viaggiare sulle quattro ruote. L’altro annuncio giunto da Las Vegas è quello di una collaborazione con Stellantis, la casa automobilistica nata dall’unione di Fca e Psa. L’accordo prevede l’integrazione di Alexa nei modelli di 14 marchi automobilistici, tra cui Jeep, Chrysler, Dodge, Fiat, e Peugeot. Le future soluzioni di Amazon permetteranno di “accelerare le esperienze in auto connesse e personalizzate”, ha spiegato il Ceo, Andy Jassy, “così che ogni momento del viaggio possa essere smart, sicuro e tagliato su misura per ciascun passeggero. Insieme, creeremo le fondamenta per trasformare Stellantis da costruttore di auto tradizionale e leader mondiale nello sviluppo e ingegnerizzazione basati sul software”.

 

La collaborazione coinvolge le divisioni Aws, Amazon Devices e Amazon Last Mile, dunque i servizi e infrastrutture cloud, i dispositivi e la logistica. L’azienda di Seattle e Stellantis collaboreranno in fase di sviluppo dei veicoli, nella realizzazione delle applicazioni e anche nelle attività di formazione degli ingegneri software.

 

In occasione di Ces 2022 sono stati annunciati anche il traguardo dei 150 milioni di dispositivi Fire Tv venduti e, sempre a proposito di viaggi in macchina (ma solo negli Stati Uniti), l’integrazione tra l’esperienza di fruizione sullo smart Tv e quella in automobile. In sostanza, in auto si potranno usare i controlli touch oppure i comandi vocali di Alexa per fruire i contenuti di Prime Video e di altri servizi streaming, e poi riprendere la visione sulla Tv di casa esattamente dal punto in cui era stata interrotta.