Piccole aziende, professionisti e home office sono i destinatari dei nuovi Nas di Synology, i modelli DiskStation DS1517+ e DS1817+, con struttura a torre rispettivamente da cinque e da otto bay. Si tratta dei primi due sistemi Synology capaci di supportare unità Ssd M.2, come spiega il product manager Jason Fan, “concepiti per risolvere il calo di prestazioni in applicazioni con elevato carico di lavoro e per ridurre notevolmente la latenza I/O."

La possibilità di installare la nuova scheda adattatore M2D17 PCIe permette a questi due Nas di usare un Ssd Sata dual M.2 aggiuntivo come cache, migliorando in questo modo le prestazioni senza occupare vani unità per fini di archiviazione volume.

Già disponibili sul mercato, i due nuovi sistemi impiegano entrambi un processore Intel Atom quad-core 2.4GHz, abbinato a due opzioni di memoria predefinite, 2 GB e 8 GB, espandibili però fino a 16 GB. Oltre alle quattro porte di rete 1GbE integrate, lo slot PCIe presenta una scheda di interfaccia di rete da 10 GbE opzionale, con porte dual 10 GbE, utile per massimizzare la larghezza di banda. Dotandolo di memoria dual channel e interfaccia di rete 10 GbE opzionale, il Nas può assicurare prestazioni sequenziali di throughput fino a 1.179 MB/s in fase di lettura e fino a 542 MB/s in scrittura. A bordo opera, come sempre sulle proposte di Synology, il sistema operativo DiskStation Manager, qui in versione 6.1.

Entrambi i sistemi sono associabili a una o due unità di espansione DX517, la quale aggiunge ulteriori cinque bay (o dieci, se si collegano due unità) a disposizione sia per la normale archiviazione sia per il backup. Il volume Raid può essere espanso direttamente senza dover riformattare i dischi rigidi esistenti. DS1517+ e DS1817+ sono coperti da garanzia limitata di tre anni.