Microsoft è fra le aziende che ha maggiormente beneficiato degli effetti del nuovo scenario collaborativo post-pandemico, dato che molte aziende hanno istituzionalizzato l’utilizzo della suite 365 e fatto di Teams lo strumento di riferimento per gestire meeting interni, collaborazione fra gruppi di lavoro e comunicazione anche con fornitori e clienti. Non è un caso che l’edizione 2022 di Ignite si stia concentrando proprio su questo prodotto, al centro di una messe di aggiornamenti, con 450 nuove funzionalità annunciate e una parte di queste riservate a un nuovo tipo di abbonamento denominato Premium.

Fra le novità accessibili a tutti, Microsoft ha annunciato che lancerà una versione "Preview" dei Teams Mesh Avatars, di cui si parla da diverso tempo. L'idea è che a ogni utente possa essere assegnato un avatar (personalizzabile a piacimento), creando in tal modo una sorta di gemello digitale per esperienze di incontro coinvolgenti attraverso Microsoft Mesh, la piattaforma dell'universo virtuale condiviso dell'editore. Allo stesso tempo, l’avatar potrà sostituire l’individuo fisica quando esso non desideri apparire di persona.

Oltre a questo aggiornamento, Microsoft ha soprattutto annunciato una nuova forma di sottoscrizione che raggruppa funzioni di IA avanzate. Dall’anno prossimo, l’offerta Teams Premium aggiungerà una miriade di nuove caratteristiche, al fine di migliorare le esperienze collaborative e la sicurezza delle riunioni, offrendo anche maggiore personalizzazione.

Il Ceo di Microsoft, Satya Nadella, durante le presentazioni di Ignite 2022

Nello stesso ambito si colloca Microsoft Places, una nuova app pensata per l’ufficio, che fornisce informazioni su quando i membri dei team saranno in ufficio o su quali riunioni sono più adatte per essere tenute di persona. La novità di Edge Workspaces, poi, aggiunge un insieme condiviso di finestre del browser, in cui i gruppi possono visualizzare gli stessi siti web e gli ultimi file di lavoro in un unico luogo, aggiornandoli in tempo reale.

Sul fronte cloud, Microsoft ha potenziato soprattutto la propria Intelligent Data Platform, aggiungendo aggiungere livelli di intelligenza alle applicazioni, per sbloccare intuizioni predittive e governare i dati ovunque. Azure Cosmos Db, in particolare, si sta espandendo oltre il NoSql per supportare PostgreSql distribuito, mentre Purview combina la governance unificata dei dati con soluzioni di rischio e compliance.

Sempre in ambito Ai, da segnalare Power Automate, per semplificare i flussi di lavoro utilizzando il linguaggio naturale. Con questa soluzione, l'intelligenza artificiale viene sfruttata per trasformare il low-code in no-code, rendendo più facile costruire diversi tipi di automazione. Syntex, invece, legge, etichetta e indicizza in modo automatico volumi elevati di contenuti e li collega dove sono necessari nel contesto.