La piattaforma di sicurezza zero-trust di Zscaler si aggiorna per dialogare meglio con Microsoft Teams e Zoom, al fine di agevolare le attività di lavoro a distanza di chi utilizza le due popolari applicazioni per la videoconferenza, la chat e il file sharing. Nella Zscaler Digital Experience (Zdx) debuttano integrazioni che permettono di ottenere informazioni dettagliate sul funzionamento di Teams e di Zoom e che danno un miglior supporto a Microsoft 365. I team di sicurezza, networking e help desk possono ottenere una visibilità unificata sui dati di telemetria relativi a utenti, connessioni e applicazioni cloud, così da poter isolare e risolvere prontamente problemi legati all’esperienza d’uso, alla sicurezza e alle prestazioni.

La novità abbraccia dunque l’ambito delle applicazioni Unified Communications as a Service (UCaaS), come appunto Microsoft Teams e Zoom, con la promessa di velocizzare la risoluzione dei problemi.  Nelle aziende, sottolinea Zscaler, spesso mancano funzionalità di monitoraggio UCaaS adeguate e questo si riflette sulla produttività. "I team IT non possono garantire un’esperienza utente ottimale e risolvere proattivamente i problemi di performance UCaaS se non sono in grado di vedere o misurare i dati della telemetria tra i dipendenti e le applicazioni critiche, come Microsoft Teams o Zoom", ha dichiarato Dhawal Sharma, vice president products di Zscaler. “Zscaler Digital Experience affronta le tre principali sfide che impediscono una collaborazione ottimizzata per la forza lavoro ibrida: dati utente isolati, strumenti di monitoraggio legacy limitati e una mancanza di dati analitici e flussi di lavoro che possono ottimizzare e migliorare la produttività e l'esperienza digitale dei dipendenti, ovunque si trovino".

Operando come un servizio unificato sulla piattaforma Zscaler, Zdx consente di risolvere proattivamente i problemi di rete e di qualità delle comunicazioni via Ucc, combinando il monitoraggio (basato su Api) dei parametri specifici delle applicazioni con il monitoraggio attivo e continuo dei dispositivi degli utenti, della rete e della disponibilità delle applicazioni. L'integrazione con MIcrosoft Teams e Zoom è resa possibile da interfacce Api che danno accesso ai dati dettagliati della telemetria degli utenti e delle applicazioni in un unico luogo. Si ottiene, così, una visione unica e integrata dei possibili problemi, dei punti da cui si genera latenza e perdita di pacchetti di dati.

 

(Immagine: Zscaler)

 

Gli aggiornamenti di Zdx permettono anche ai team IT di essere supportati nel migliorare le esperienze utenti sui prodotti Microsoft 365. Inoltre viene fornita una visione estesa sulla connettività degli utenti per applicazioni private protette da Zscaler Private Access: all’interno di una dashboard centralizzata vengono riportati tutti i dati telemetrici rilevanti per risolvere i problemi di user experience. Zdx si integra anche con la piattaforma ServiceNow  Itsm, permettendo di automatizzare la creazione di ticket IT basati su avvisi di Zdx.