Acronis, specialista in backup e protezione dati, si allarga con l’apertura in Israele di un nuovo centro di ricerca e sviluppo, dedicato al tema “cyber protection”, e una nuova sede destinata all’acquisizione di nuovi partner. A Herzliya, a nord di Tel Aviv, l’azienda pianifica di investire circa 80 milioni di dollari nei prossimi cinque anni con l’obiettivo di portare avanti le attività di R&D, di sostenere i partner commerciali e di ampliare l’organico con un centinaio di figure altamente specializzate, tra ingegneri, scienziati e professionisti della sicurezza informatica.

Nella nuova sede verranno svolte, quindi, sia attività di ricerca e sviluppo sia attività di coinvolgimento dei partner attuali (supporto commerciale, tecnico e formativo) e di acquisizione di nuovi affiliati, tra aggregatori, distributori e service provider. L’apertura di Herzliya allarga anche la rete globale dei centri operativi Acronis per la Cyber Protection.  

"Il nuovo centro sarà all'avanguardia nelle attività di ricerca e sviluppo sulla Cyber Protection e diventerà uno dei siti chiave della rete internazionale di centri di ricerca Acronis, insieme a quelli ubicati in Svizzera, Singapore, Bulgaria e Nord America", ha dichiarato Serguei Beloussov, Ceo e fondatore di Acronis.

In Israele Acronis è presente fin dal 2008 e ha recentemente rafforzato il proprio presidio prima (a fine 2020) con l’acquisizione della startup di consulenza sulla sicurezza informatica CyberLynx Security e poi (nell’aprile di quest’anno) con l'apertura di un nuovo data center. Qualche settimana fa, inoltre, Acronis ha chiuso un round investimenti da 250 milioni di dollari, che ha portato la valutazione dell’azienda oltre quota 2,5 miliardi di dollari.