Apple sta affrontando con notevole forza un momento non facile per molti mercati tecnologici, a partire dagli smartphone. Nel quarto trimestre dell’anno fiscale 2022 (conclusosi il 24 settembre), l’azienda di Cupertino ha ottenuto 90,1 miliardi di dollari di fatturato, segnando un incremento dell’8,1% rispetto al dato del quarto trimestre 2021. Una cifra di fatturato trimestrale record, che ha superato le attese degli analisti (88,90 miliardi la previsione del consensus di Refinitiv).

Anche gli utili per azione del trimestre, 1,29 dollari, rappresentano un incremento del 4% anno su anno, di questi tempi non disprezzabile.Le vendite di Mac, in particolare, hanno superato nettamente le previsioni, fruttando nel trimestre 11,51 miliardi di dollari contro i 9,36 miliardi pronosticati dagli analisti, e crescendo di oltre il 25% anno su anno. Di contro, il core business degli iPhone si è fermato su 42,63 miliardi di dollari di ricavi trimestrali, meno dei 43,21 miliardi immaginati dagli analisti. Anche in questo caso, però, si osserva una apprezzabile crescita di quasi il 10% (9,67%) anno su anno. Il calo della domanda di beni voluttuari, naturalmente indotto dall’inflazione, si associa per gli iPhone alle difficoltà di produzione causate dai nuovi lockdown delle fabbriche cinesi.

Deludono un po’ anche i servizi, che sono stati una delle componenti più in crescita per Apple negli ultimi anni. Nel quarto trimestre hanno fruttato 19,19 miliardi di dollari, quasi un miliardo in meno rispetto alle previsioni degli analisti (20,10 miliardi di dollari), crescendo comunque di circa il 5% su base annua.

 


“I risultati record del trimestre di settembre dimostrano ancora una volta la nostra efficace capacità di esecuzione nonostante un contesto macroeconomico difficile e instabile”, ha dichiarato il direttore finanziario di Apple, Luca Maestri. “Abbiamo continuato a investire nei nostri piani di crescita a lungo termine, abbiamo generato un flusso di cassa operativo di oltre 24 miliardi di dollari e abbiamo restituito agli azionisti più di 29 miliardi di dollari durante il trimestre”.

L’intero anno fiscale ha portato nelle casse di Apple 394,3 miliardi di dollari di ricavi, l’8% in più rispetto al risultato del fiscal year 2021, e un utile per azione diluita di 6,11 dollari (+9%). Come per molti altri colossi tecnologici statunitensi, il tasso di cambio del dollaro rispetto all’euro e alle principali valute asiatiche ha eroso qualche punto o decimo di punto percentuale alla crescita potenziale.