Come fa sempre, immediatamente dopo la WorldWide Developer Conference (Wwdc) Apple ha reso disponibili per gli sviluppatori le versioni beta dei nuovi sistemi operativi. A partire da ieri, però, anche gli appassionati della mela, un po’ meno tecnici, possono mettere le mani su iOs 14, che porterà cambiamenti quasi “rivoluzionari” nell’utilizzo dell’iPhone, e iPadOs14 con importanti novità che riguardano l’iPad.

Per diventare “tester” basta iscriversi all’Apple Beta Software Program, scegliere il sistema operativo (sono disponibili anche le beta pubbliche di macOs Big Sur, tvOs 14 e watchOs 7) e scaricarlo. Apple invita, una volta diventato membro del programma, a inviare feedback e segnalare eventuali bug.

Delle principali novità dei nuovi sistemi operativi si è già parlato in concomitanza con la Wwdc 2020. Per quanto riguarda iOs 14, si può dire che l’esperienza utente con l’iPhone è destinata a essere rivoluzionata da un diverso utilizzo dei widget, che potranno essere liberamente disposti in qualsiasi schermata e saranno disponibili in diverse varianti.

Novità assoluta anche App Library, o Libreria App in italiano, per avere in una schermata tutte le app installate, che vengono automaticamente organizzate in categorie. Importante App Clip che consente di utilizzare una parte di un'app nel momento in cui se ne ha bisogno, senza doverla scaricare dall’AppStore. Ci sono poi la funzione per i video Picture-in-Picture (già presente in iPad Os, ma nuova per iOS) e una nuova app Traduci realizzata da Apple, tanti per citarne alcune.