Facebook, WhatsApp e Instagram sono ancora creature distinte, ma appartenendo alla medesima proprietà hanno da tempo cominciato a contaminarsi e integrarsi uno nell'altro. I messaggi vocali, prerogativa di WhatsApp e di Messenger, presto potrebbero debuttare anche nel social network e più precisamente all'interno degli aggiornamenti di status: dopo gli screenshot publicati giorni fa su Twitter da un utente indiano (la funzione è stata rilasciata in beta su un numero ristretto di iscritti residenti in India), un portavoce dell'azienda ha confermato a TechCrunch l'esistenza di una sperimentazione in corso. La nuova funzione, Voice Clip, “dà alla gente un nuovo mezzo con cui potersi esprimere”, ha detto il portavoce.

 

Per accedere a questa funzione sarà sufficiente selezionare l'opzione “aggiungi un clip vocale” dal menu degli aggiornamenti di status, quello che attualmente consente di scrivere una frase, caricare una foto, eseguire un check-in di geolocalizzazione. Una volta terminata la registrazione (segnalata da un'icona che riproduce un'onda sonora), l'utente può ascoltare un'anteprima per poi decidere se pubblicarla e condividerla con gli amici.

 

 

 

In attesa di sapere se questa novità sia destinata a debuttare sulla piattaforma o a restare una sperimentazione, la società di Zuckerberg presumibilmente non smetterà di sviluppare idee che possano arricchire l'esperienza d'uso del social network. Essere in continua evoluzione è quasi d'obbligo per un servizio digitale che, pur popolarissimo, inizia a temere la concorrenza di alternative più in voga tra i giovani (come Snapchat e Instragram, benché quest'ultimo appartenga alla stessa Facebook) o in ascesa in mercati molto popolosi, come WeChat. Posseduta da Tencent, l'applicazione è sovrana in Cina e nel suo settimo anno di vita è appena arrivata (a fine febbraio, ma la notizia è stata data adesso) a supeare la soglia del miliardo di utenti. Tra il settembre del 2016 e quello del 2017, il numero di utilizzatori è cresciuto del 15,8%, specie per merito delle nuove iscrizioni effettuate nel sud-est asiatico, in Europa e negli Stati Uniti.

 

È vero che i numeri di WhatsApp sono attualmente ancora superiori, 1,3 miliardi di utenti. Ma è anche vero che il prodotto di Tencent è un servizio “tutto in uno”, che permette non solo di chattare ma anche di fare acquisti di beni fisici, ingressi al cinema o titoli di viaggio, di trasferire denaro, di prenotare camere di hotel, di chiamare un taxi, di pagare le bollette, di ordinare cibo a domicilio, di ricaricare il credito del telefono e altro ancora.