TikTok, Whatsapp, Facebook, Instagram, ma anche Netflix, Spotify, YouTube e molte altre. L’obbligo di restare a casa salvo necessità, dettato dalla pandemia di coronavirus, ha risvolti economici drammatici per i più ma anche vantaggiosi per chi eroga servizi digitali e sviluppa di software. La società di analisi statistiche App Annie ha rilevato nel primo trimestre del 2020 una netta crescita sia dei download gratuiti sia degli acquisti fatti su App Store e Google Play, e la classifica delle applicazioni più popolari rende una chiara idea dei bisogni di intrattenimento e di socialità oggi più sentiti che mai.

Rispetto al periodo di gennaio-marzo 2019, nei primi tre mesi di quest’anno il numero di download fatti su Google Play è cresciuto del 5%, raggiungendo quota 22,5 miliardi; meno numerosi i download di App Store, 9 miliardi, ma in compenso l’incremento è stato di ben il 15%. Per un mercato già molto maturo come quello degli smartphone, non è poco.

 

 

 

Da un marketplace all’altro cambiano leggermente anche le tendenze sui tipi di applicazione più scaricati: per gli utenti Android prevalgono le categorie Giochi, Strumenti e Intrattenimento, mentre gli utenti iOS privilegiano Giochi, Foto e Video. 

Sommando i due negozi virtuali, la classifica delle app più scaricate fa sfilare, nell’ordine, TikTok, Whatsapp, Facebook, Instagram, Messenger, Likee, Snapchat, ShareIt, Netflix e Spotify. Cresce anche la spesa: riportando i soli dati di Google Play, AppAnnie segnala un incremento del 20% anno su anno.