Cloudflare prova a cambiare la “rubrica” del Web. L’azienda ha annunciato la disponibilità del nuovo Dns resolver (domain name system) 1.1.1.1, che promette il 28 per cento di incremento della velocità in fase di risoluzione di nomi dei nodi e una maggiore sicurezza grazie alla crittografia. Tutto, ed è importante sottolinearlo, in modo gratuito. Quanto proposto da Cloudflare è rilevante, perché è attraverso l’architettura Dns che passano i dati trasmessi sul Web. Di fatto, qualsiasi connessione a un sito parte dai resolver, che si occupano di “tradurre” il nome di una pagina o di un servizio in un indirizzo Ip. Questi strumenti sono solitamente forniti dagli stessi provider di connettività, ma ci sono anche delle versioni alternative supportate da Google (8.8.8.8) od OpenDns (208.67.222.222 e 208.67.220.220), che negli ultimi anni si sono rivelate molto più efficienti e sicure di quelle degli operatori.

Molti Internet service provider (Isp) e altre realtà possono infatti monitorare le richieste Dns per controllare quali pagine e servizi vengono visitate dagli utenti, anche se la stessa web application è cifrata. Inoltre, alcuni provider vendono questi dati agli inserzionisti, che li sfruttano per proporre pubblicità mirate. Cloudflare sostiene di aver sviluppato un prodotto migliore di quelli di Google e OpenDns, concentrandosi in particolar modo sulla privacy.

Innanzitutto, il nuovo resolver 1.1.1.1 supporta sia il Dns-over-Tls, sia il Dns-over-Https, messo a disposizione al momento soltanto da Big G. Inoltre, tutte le informazioni registrate nei log vengono distrutte definitivamente dopo 24 ore e nessun indirizzo Ip viene memorizzato. Per quanto riguarda la velocità, i test condotti con lo strumento Dns Performance Test (disponibile su Github) hanno restituito risultati importanti.

Il resolver di Cloudflare ha fatto registrare tempi di risposta medi di 14,8 millisecondi, contro i 20,6 millisecondi di Cisco OpenDns e i 34,7 millisecondi di Google. Nel caso degli strumenti forniti di default dai provider, invece, si sale in media a 68,23 millisecondi. L’azienda sta collaborando con gli sviluppatori dei principali browser, sistemi operativi, applicazioni, piattaforme cloud e router per garantire la compatibilità di Dns-over-Https. Mozilla, ad esempio, ha già annunciato che renderà 1.1.1.1 il resolver standard di Firefox.

 

Fonte: Cloudflare

 

Per impostare il nuovo indirizzo sono sufficienti pochi minuti e non è necessario essere dei tecnici. È possibile rendere lo strumento di Cloudflare la soluzione predefinita a livello di rete, oppure utilizzarlo all’interno del proprio sistema operativo senza quindi andare a toccare le impostazioni degli altri dispositivi connessi. A questo indirizzo sono presenti tutte le guide per procedere al setup su sistemi operativi e device differenti.