Le tecnologie per la customer experience interessano Thoma Bravo: la società d’investimento statunitense spenderà 6,4 miliardi di dollari per acquisire Medallia, multinazionale fondata nel 2001 a San Francisco, che definisce sé stessa come pioniera nel settore dell’Experience Management. La sua piattaforma consente a clienti come Aribnb, Benefit, Comcast, Four Season, Generali, Mercedes-Benz, Samsung e Sephora di raccogliere e analizzare milioni di dati strutturati e non strutturati per conoscere meglio i loro clienti o potenziali clienti.

 

Le fonti spaziano dai comportamenti di navigazione Web ai sondaggi online, dalle interazioni con i social network alle telefonate, alle email e ai messaggi di chat scambiati fra l’azienda e i consumatori. I dati vengono analizzati per realizzare segmentazioni del target, per comprendere il sentiment e per ottimizzare il cosiddetto “customer journey”. Stando al sito Web di Medallia, la sua tecnologia analizza ogni anno circa 4,5 miliardi di “esperienze” e ogni mese viene sfruttata da oltre un milione di utenti attivi. L'azienda fornisce anche soluzioni tecnologiche per i contact center e per la gestione dell'esperienza dei dipendenti.

 

Al momento le due parti hanno firmato un accordo di acquisizione che prevede però un periodo di 40 giorni in cui Medallia potrà valutare eventuali altre offerte di possibili compratori. Salvo sorprese, tuttavia, e una volta ottenuto il via libera degli azionisti l’operazione sarà completata entro la fine dell’anno e farà di Medallia una società a capitale privato. L’attuale sede di San Francisco continuerà a fungere da quartiere generale. In base ai termini dell’accordo, gli azionisti di Medallia riceveranno 34 dollari ad azione, corrispondenti a un premium di circa il 20% sul valore del titolo al 10 giugno 2021.

 

“Oggi, Medallia beneficia di un portafoglio differenziato di soluzioni tecnologiche in cloud e di una base di clienti fedeli e in espansione in diversi settori verticali di industria e geografia”, ha dichiarato Leslie Stretch, presidente e amministratore delegato di Medallia. “Non vedo l’ora di continuare il nostro straordinario lavoro in supporto ai nostri clienti. Inoltre, siamo ansiosi di cominciare la prossima fase di crescita differenziata e crediamo che diventare una società privata rappresenti la migliore opportunità di fare questo. Oltre a massimizzare il valore per i nostri azionisti, questa transazione ci permetterà di essere esecutivi nella nostra strategia di lungo termine con ancora maggiore efficacia, efficienza e flessibilità”.

 

“L’abilità di Medallia di fornire insight personalizzati e predittivi attraverso qualsiasi canale e ad aziende di ogni dimensione è diventata critica in un universo di dati strutturati e non strutturati in rapida espansione, nel quale un sempre maggior numero di rapporti commerciali è digitalizzato”, ha commentato Scott Crabill, managing partner di Thoma Bravo. La società d’investimento reduce da recenti operazioni societarie nell’ambito della cybersicurezza: prima, nel 2020, l’acquisizione di Sophos per 3,9 miliardi di dollari, e poi quest’anno quella di Proofpoint, costata 12,3 miliardi.