Quante cose si possono fare grazie all’intelligenza artificiale? Microsoft, con gli ultimi aggiornamenti delle applicazioni di Dynamics 365, ne fa parecchie: analisi predittive, scoperta di anomalie, simulazione di scenari, mappatura del rapporto fra account e clienti, personalizzazione dell’offerta ai clienti, scoperta delle frodi e molto altro ancora. Lunga è la lista dei miglioramenti e delle aggiunte introdotti in diverse soluzioni della suite di Dynamics 365, dedicate al Crm, alla manutenzione degli ambienti Internet of Things, alla gestione del commercio e della supply chain, alla sicurezza. A fare da tema conduttore c’è l’obiettivo a cui Microsoft tende: quello di “offrire un cloud completo e connesso, che fa leva su dati unificati e intelligence applicata per aiutare i clienti a prendere decisioni proattive e far crescere il proprio business”

 

Gli annunci si dividono tra nuove funzionalità di applicazioni già in offerta e applicazioni aggiunte per la prima volta alla suite di Dynamics 365. Tra i prodotti esistenti e aggiornati con nuove funzionalità c’è innanzitutto Dynamics 365 Customer Insights, una piattaforma di gestione dei dati dei clienti, utilizzabile per ottenere insight su cui costruire strategie. Le nuove funzionalità annunciate permetteranno di applicare le analisi con produzione di insight anche a scenari B2B complessi, consentendo in questo modo di mappare i lead e di monitorare le relazioni tra gli account e i loro contatti. 

 

 

 

Altro prodotto esistente è Dynamics 365 Virtual Agent for Customer Service, dedicato all’erogazione del servizio clienti: le nuove funzioni permettono di creare più facilmente agenti virtuali in grado di conversare in modo naturale e personalizzato” e di confezionare una versione di prova dell’agente virtuale (che può essere testata su un sito Web demo e poi eventualmente modificata prima del lancio). Ci sarà poi una nuova dashboard, da cui si potrà verificare il livello di soddisfazione dei clienti gli argomenti che hanno determinato il punteggio, e da cui si potrà anche calcolare il tempo risparmiato nel customer service grazie proprio a Dynamics. 

 

La terza soluzione pronta ad accogliere alcuni aggiornamenti è Dynamics 365 Supply Chain Management, in cui debutteranno funzionalità di “IoT intelligence”: sarà possibile combinare dati provenienti da dispositivi Internet of Things “strategici” e dati delle transazioni commerciali, per avere visibilità sui livelli delle scorte, per la manutenzione predittiva, per l’ottimizzazione delle prestazioni e dei consumi.

 

I prodotti nuovi di zecca si chiamano, invece, Dynamics 365 Product Insights, Dynamics 365 Commerce, Dynamics 365 Connected Store e Dynamics 365 Fraud Protection. La prima delle quattro è un’applicazione che raccoglie dati dai dispositivi connessi per tener traccia sia delle prestazioni dei dispositivi stessi sia delle interazioni con i clienti: è utile, per esempio, peri rilevare anomalie, analizzare i dati in tempo reale e identificare soluzioni a problemi che altrimenti richiederebbero molto tempo per essere risolti. Dynamics 365 Commerce è una soluzione completa e omnicanale per le aziende che commerciano in punti vendita fisici o digitali (o entrambe le cose), che grazie a questo software possono combinare dati di back-office, in-store, call center e altre interazioni dei clienti. La soluzione permette di ottenere insight avanzati per supportare i processi decisionali, ottimizzare la personalizzazione dell’offerta e la relazione con i clienti.

 

Dynamics 365 Connected Store è invece destinata ai retailer che vendono tramite negozi fisici, interessati a migliorare l’esperienza dei loro clienti. La soluzione raccoglie e analizza dati provenienti da videocamere e sensori IoT collocati nei punti vendita, monitora lo stato delle attrezzature e dei prodotti e permette di creare alert per i dipendenti del negozio.

 

 

L’ultima delle quattro novità, Dynamics 365 Fraud Protection, non è ancora disponibile ma lo sarà presto, dal mese di ottobre. Si tratta di una soluzione antifrode per i pagamenti digitali, che grazie all’intelligenza artificiale sarà in grado di sia di contrastare più efficacemente i tentativi di truffa sia di aumentare i tassi di accettazione delle transazioni legittime.