Il Mate XS di Huawei, atteso prossimamente sul mercato, non costerà poco. Anche l’azienda cinese, come Samsung e Motorola, non si fa scrupoli per vendere a caro prezzo il suo nuovo smartphone pieghevole (successore del Mate X lanciato un anno fa): in Europa costerà 2.499 euro, negli Usa 2.709 dollari, secondo quanto detto da Huawei durante l’evento di presentazione. Prezzi decisamente più alti, di circa 900-1.000 euro, rispetto a quelli del Galaxy Z Flip appena lanciato da Samsung e del Motorola Razr di Lenovo, che pure non sono economici. Dunque ci vorrà sicuramente un po’ di tempo prima che i telefoni pieghevoli, siano essi concepiti con design a conchiglia o a libro, escano dalla nicchia del lusso in cui attualmente sono posizionati. 

Il Mate Xs è un telefono composto da uno schermo pieghevole da 8 pollici, dotato di supporto al 5G, al cui interno opera un processore Kirin 990 5G e sostenuto da una batteria da 4500 mAh. In modalità aperta,  grazie a una funzione chiamata Multi-window, lo schermo può essere suddiviso in due sezioni per migliorare l’esperienza d’uso in alcune app, come l’email, o per aprire due app in contemporanea (social network e ed editing fotografico, per esempio). 

 

 

Degno di nota è certamente il comparto fotografico, costituito da una lente anteriore e da quattro lenti posteriori, ovvero una principale da 40 megapixel, un grandangolo da 16 mpx, un teleobiettivo da 8 mpx e un sensore Tof (time-of-flight).

 

Ciò che davvero colpisce è il design: lo schermo è sostanzialmente privo di cornice (Fullview Display) e una volta aperto mette a disposizione una superficie paragonabile a quella di un piccolo tablet, dallo spessore minimo : 5,4 millimetri nella parte sottile e 11 millimetri nella sola estremità in cui sono inserite le lenti fotografiche e l’interfaccia Usb. Il pulsante di accensione posto su un fianco nasconde il lettore di impronta digitale, assolvendo dunque a una doppia funzione. Il peso, comprensibilmente, arriva a ben 300 grammi.