Si trova ormai in dirittura d'arrivo il progetto Data.Europa.Eu, volto a creare un nuovo portale unico dei dati a livello europeo.

Il lancio ufficiale è previsto nel corso della primavera 2021 prevede che, oltre all'infrastruttura portante, saranno avviate in parallelo attività di consulenza e di ricerca. Vi confluiranno il portale dei dati europeo è quello aperto dell'Unione Europea, che già esistono.

Il nuovo servizio combinerà quindi attività già sviluppate e integrerà i rispettivi sforzi indirizzati a facilitare la pubblicazione e il riutilizzo di dati aperti in tutta l'Europa.

Come i predecessori, Data.Europa.Eu si fonderà su alcuni pilastri. Innanzitutto, garantirà l'accesso alle risorse sui dati pubblici in tutta l'Europa attraverso un unico punto di contatto, offrendo oltre un milione di dataset in 36 paesi, 6 istituzioni dell'Ue e 79 altri organi e agenzie. il portale, inoltre, supporterà le istituzioni dell'Unione e degli stati membri attraverso la creazione di community basate sull'apporto dei portali di dati nazionali aperti e su formazione e consulenza necessarie per migliorare, documentare e mantenere pratiche comuni di pubblicazione dei dati.

L'Unione Europea intende comprovare i vantaggi socio-economici del riutilizzo delle risorse di dati pubblici di creare stimoli utili a favorirne l'adozione e la creazione di valore. l'obiettivo di medio lungo termine dovrebbe portare alla creazione di impatti economici, sociali, politici e ambientali. Più questi impatti saranno documentati e compresi, più l'accesso, la scoperta è l'utilizzo dei dati aumenteranno. Uno studio realizzato nel 2020 da Capgemini evidenzia come il valore del mercato dei dati aperti in Europa nel 2025 dovrebbe avere un valore compreso fra i 199 e i 334 miliardi di euro.