Blueit cresce in termini dimensionali, di fatturato e come numero di clienti. Il service provider italiano ha chiuso il 2016 con un fatturato di 17 milioni di euro, in crescita del 15 per cento anno su anno, potenziando la sede di Roma grazie all’arrivo di nuovi manager per sviluppare le attività commerciali, in particolare nel Centro-Sud del Paese. Traguardi tagliati grazie a un ampliamento dell’offerta nel corso del 2016, che ha permesso all’azienda di mettere a disposizione del mercato un portafoglio di servizi ancora più ampio. Tra le novità si trova il Service Desk multilingua, erogato dagli uffici di Monza, che si occupa della gestione dell’utenza dei clienti, al momento disponibile in italiano, inglese e francese.

Inoltre, grazie agli investimenti nel Service Operation Center (Soc), viene offerto un servizio con presidio 24 ore su 24, 365 giorni all’anno, per assicurare copertura del supporto alla continuità e disponibilità degli ambienti It dei clienti. La struttura Soc opera a stretto contatto con il front office e consente di ridurre in modo significativo i tempi di gestione dei ticket.

“Per l’anno appena iniziato abbiamo inoltre in cantiere nuove strategie che potranno agevolare ulteriormente le aziende verso il percorso di trasformazione digitale, ognuna secondo le proprie necessità”, ha sottolineato Girolamo Marazzi, presidente di Blueit. A questo proposito l’azienda, dopo aver consolidato le basi nell’ambito della gestione infrastrutturale, ha integrato il proprio portafoglio con competenze di eccellenza anche in ambito applicativo, inserendo l’offerta di Application Management Services.

In questo modo, i clienti possono affidare l’intera gestione dei loro sistemi, concentrandosi così sulle attività per supportare le strategie e le richieste del proprio business. Le nuove competenze introdotte da Blueit vertono sulla gestione dei principali sistemi Erp, da Sap a Dynamics oltre che di piattaforme legacy verticali più specifiche.