Un terzo trimestre ricco di successi per Xiaomi. Secondo gli ultimi report di Canalys il produttore cinese per la prima volta, superando Apple, si è posizionato al terzo posto nella classifica dei principali vendor di smartphone a livello globale. Non solo. Ha conquistato anche il secondo gradino del podio nel mercato italiano.

Nel terzo trimestre del 2020, secondo l’ultimo report di Canalys, le spedizioni di smartphone hanno raggiunto a livello mondiale i 348 milioni di unità, con un calo dell'1% anno su anno, ma un incremento del 22% rispetto al trimestre precedente. Samsung ha riguadagnato il comando(+2%), Huawei è scivolata al secondo posto (-23%) e Xiaomi si è classificata per la prima volta al terzo posto, raggiungendo i 47,1 milioni di unità con una crescita del 45 per cento. Apple ha venduto 43,2 milioni di smartphone (-1%), scontando il fatto di avere presentato ad ottobre i nuovi iPhone 12.

 


Parlando del mercato italiano, dove Xiaomi è approdata poco più di due anni fa, l’azienda cinese ha conquistato una quota di mercato del 19%, registrando una crescita su base annua del 122 per cento (fonte Canalys).

“Siamo estremamente orgogliosi di questo risultato, perché dimostra che la strada seguita finora è quella giusta”, afferma Leonardo Liu, General Manager di Xiaomi Italia. “La nostra strategia ora si focalizzerà sul consolidamento e il mantenimento di questa posizione, ma con lo sguardo sempre rivolto al gradino più alto del podio. Continueremo quindi a lavorare instancabilmente per portare prodotti sempre più innovativi al maggior numero di persone, forti della convinzione che chiunque meriti una vita migliore grazie alla tecnologia più cool. Ci aspettano mesi senza dubbio stimolanti”.

A livello europeo Xiaomi mantiene il terzo posto con il 19% di market share e una crescita su base annua del 91 per cento. Guardando all’Europa occidentale, Xiaomi sale di una posizione, classificandosi al terzo posto, con una quota di mercato del 13% e una crescita su base annua del 107 per cento.