Microsoft starebbe pensando a un tablet Surface “economico” per aggredire la fascia intermedia del mercato. Lo rivela Bloomberg, che sottolinea come la mossa del colosso di Redmond potrebbe contrastare un segmento dominato dall’iPad di Apple. Il dispositivo di Microsoft arriverebbe nella seconda metà dell’anno e sarebbe una “tavoletta” con schermo da 10 pollici e prezzo di partenza attorno ai 400 dollari: quindi grande all’incirca come l’iPad (che ha un display Retina da 9,7 pollici) e leggermente più costoso. Il device della Mela parte infatti da 329 dollari (32 GB di storage) per arrivare ai 559 richiesti dalla versione Wifi con 128 GB di spazio di archiviazione. I dettagli forniti da Bloomberg sono ovviamente scarsi, ma qualcosa è trapelato. Secondo l’agenzia, il tablet targato Microsoft avrebbe bordi arrotondati e sarebbe dotato di una porta Usb-C: una novità assoluta per questa serie di prodotti.

Il dispositivo dovrebbe essere il 20 per cento più leggero dei Surface Pro (che costano inoltre il doppio) e montare processori Intel Core M ad alto risparmio energetico. Malgrado ciò, anche a causa delle dimensioni ridotte, l’autonomia della batteria dovrebbe scendere a circa nove ore e mezza contro le 13 dei device più grandi. Non dovrebbero infine mancare varie configurazioni dal punto di vista della memoria, della connettività Lte e/o Wifi e della capacità di storage, la quale potrebbe arrivare anche a 128 GB.

Per limare i costi, Microsoft sarebbe pronta a introdurre anche nuovi modelli di tastiere abbinabili e di mouse. Senza dimenticare lo stylus. Una serie di prodotti che, dopo il fallimento del primo modello Rt, è stata rilanciata con grande vigore fino a guadagnarsi il consenso di pubblico e critica. Nel terzo trimestre dell’anno fiscale 2018 l’azienda statunitense ha accresciuto del 27 per cento il fatturato legato a questi device rispetto al 2017.

Un business comunque ancora di nicchia se confrontato a quello degli iPad, che l’anno scorso hanno portato nelle casse della Mela circa venti miliardi di dollari contro i 4,4 miliardi generati dai Surface. Il lancio di un nuovo tablet a prezzo più contenuto potrebbe quindi aprire nuovi spiragli per Microsoft e nuove occasioni di ampliamento dell’utenza, uscendo così dall’ambito professionale.