Microsoft non sembra volerne parlare più di tanto, ma Office 2019 è arrivato. La versione “offline” della suite di produttività è disponibile per le aziende, mentre nelle prossime settimane verrà rilasciata anche per il mercato consumer. L’annuncio è stato dato dalla stessa multinazionale durante l’evento Ignite riservato a sviluppatori e professionisti It. Ma, ormai, anche il più oscuro dei servizi di Azure fa più notizia di questa variante di Office. L’obiettivo di Microsoft è infatti quello di spingere organizzazioni e utenti finali ad abbonarsi alla versione 365 della suite, interamente in cloud e sottoposto ad aggiornamenti continui. Le differenze sono evidenti. Innanzitutto, Office 2019 è fornito in licenza perpetua e non come abbonamento ricorrente: questo significa che nel tempo riceverà soltanto aggiornamenti di sicurezza, ma non le nuove funzionalità sviluppate dalla multinazionale statunitense.

Inoltre, Office 2019 è compatibile soltanto con Windows 10 e macOs e Microsoft ha deciso di differenziare l’offerta anche a seconda del sistema operativo utilizzato. Oltre alle classiche applicazioni Word, Excel, Powerpoint e Outlook, gli utenti Windows potranno utilizzare Publisher, Access, Project e Visio. Queste ultime quattro app non saranno però disponibili su Mac, così come non verrà rilasciato Onenote 2019: il software per appunti e annotazioni potrà essere scaricato a parte come applicazione nativa di Windows 10.

Il grande punto di domanda è il prezzo, in quanto Microsoft non ha ancora pubblicato il costo della licenza perpetua della suite. Nei mesi scorsi, l’azienda aveva dichiarato di voler alzare la cifra del 10 per cento rispetto alle versioni precedenti. Sul sito del vendor Office 2016 Home & Business per un Pc o Mac viene proposto a 279 euro, quindi si supererebbero tranquillamente i 300 euro. L’edizione Professional, invece, potrebbe sfiorare i 600.

Fra le novità di Office 2019, spiccano il tema scuro e la funzionalità text-to-speech di Word; la possibilità di pubblicare fogli di Excel direttamente sullo strumento di business intelligence Power Bi; la gestione di immagini 3D all’interno delle presentazioni Powerpoint e nuove schede contatto di Outlook. Un elenco parziale degli aggiornamenti è disponibile a questa pagina.