Il consiglio di amministrazione di Esprinet riunitosi sotto la presidenza di Maurizio Rota, ha esaminato i dati di preconsuntivo al 30 giugno 2020. I ricavi si attestano a circa 1,84 miliardi di euro, con un incremento del 7% rispetto al primo semestre 2019 (poco più di 1,71 miliardi di euro). Nel secondo trimestre il gruppo ha registrato ricavi per circa 920 milioni di euro, in crescita del 9% anno su anno (842 milioni di euro), grazie soprattutto alle ottime performance ottenute nei mesi di maggio e giugno. I ricavi per area geografica evidenziano nel semestre risultati molto superiori rispetto al mercato per le attività spagnole (+10%) e delle vendite sul territorio portoghese, che hanno segnato un incremento del 68%, premiando gli investimenti effettuati per il magazzino in loco. I ricavi in Italia crescono del 7 per cento.

L’analisi dei ricavi per linea di prodotto evidenzia un significativo incremento nel segmento consumer electronics (+15%), trainato dalla crescita del 23% per gli smartphone, e nel segmento IT client (+5%) per effetto del forte incremento nei pc (+12%). La ripartizione dei ricavi per tipologia di cliente mostra una crescita analoga nei segmenti consumer e business.

Presentiamo i dati di un semestre caratterizzato da un forte aumento della domanda di pc e smartphone. Nel corso del 2020 abbiamo messo in atto una serie di misure volte all’ulteriore efficientamento della struttura patrimoniale, che si sono pienamente riflesse nell’ottimizzazione del Cash Conversion Cycle, sceso a circa 12 giorni, più che dimezzato rispetto allo scorso semestre, e nella Posizione Finanziaria Netta (positiva per circa 110 milioni di euro)”, commenta Alessandro Cattani, amministratore delegato di Esprinet. “Questi risultati ci dotano della massima flessibilità operativa necessaria per la gestione ottimale del nostro business. Sotto il punto di vista della redditività si delinea inoltre un forte progresso dell’Ebitda consolidato rispetto al semestre precedente, nonostante il costo one off sostenuto per l’acquisizione di GTI. Anche il mese di luglio sta registrando un incremento percentuale a doppia cifra del fatturato”.