A maggio 2020 fu annunciato il sistema di cavi sottomarini 2Africa, destinato a essere la dorsale di connettività più lunga al mondo, con un’estensione di 45mila chilometri. Ora, è iniziata l’opera di posa. Dall’Italia, in particolare da Genova.

L’infrastruttura è gestita dal consorzio 2Africa, del quale fanno parte China Mobile, Vodafone, Orange, Meta, Wiocc, Telecom Egitto, Stc e Mtn GlobalConnect. In particolare, è stata Vodafone a occuparsi della prima di 46 operazioni di posa, che serviranno per ultimare il progetto. L’installazione è avvenuta nel data center “Carrier Neutral” di Equinix, mentre Retelit ha fornito il fronthaul.

Divenuto operativo, il primo tratto con base a Genova potrà già offrire la propria capacità di banda larga ai service provider che ne vorranno beneficiare, con una logica di suddivisione basata sull’equità.

Una volta completata la posa, il cavo 2Africa collegherà Europa, Africa e Asia, con una stima di 3 miliardi di potenziali persone connesse, pari a circa il 36% della popolazione globale. Oltre che alle aziende, l’opera si rivolge soprattutto ai settori dell’istruzione e dell’assistenza sanitaria, con l’obiettivo di migliorare la qualità della vita anche in regioni fin qui poco servite dalla connettività a Internet e ai relativi servizi anche di prima necessità.