È una crescita senza precedenti quella che Zyxel ha registrato nell’ultimo anno fiscale da quando è presente nel nostro Paese, riuscendo a segnare nel 2021 un incremento di fatturato del 17%. Una potenzialità di mercato che, al netto delle problematiche relative allo shortage della componentistica e delle materie prime, sarebbe stata addirittura maggiore dei risultati ottenuti, i quali, comunque, hanno generato (dati Context – ndr), una crescita del 27% anche in termini di share nel mercato networking B2B e corporate.

Un exploit che deve molto alle performance della nostra piattaforma iNebula, con soluzioni che vanno ormai a toccare l’intero portafoglio prodotti", afferma Valerio Rosano, country manager Italia e Iberia di Zyxel (nella foto in apertura), "con un numero sempre maggiore tra i nostri partner che la stanno utilizzando per la gestione attraverso il cloud di tutti i prodotti, al punto che iNebula rappresenta ormai circa l’80% del nostro business complessivo. Risultati positivi che sono di buon auspicio anche per il 2022, che si prospetta essere pieno di opportunità, in un momento in cui il PIL aumenta del 6% e l’IT che riporta punte che arrivano anche al 24% di crescita, il che ci porta a puntare a una chiusura d’anno a +25%”.

Cloud networking e security, le due focus area su cui Zyxel spinge il canale

Un’offerta, quella di Zyxel, che si sta velocemente concentrando sul cloud, dove si prevede un sostanziale consolidamento della parte networking, anche in risposta all’esplosione del remote working scatenato dalla pandemia e dove iNebula terrà un ruolo di primo piano, stimolato dall’esplosione prevista del WiFi6, il nuovo standard che porta con sé velocità e gestione qualitativa del traffico.

Ma buone aspettative vi sono anche per il mercato security, dove l’offerta Zyxel si adatta in special modo alle esigenze delle piccole e medie imprese. L’integrazione tra networking e sicurezza ben si sposa con le nuove esigenze di chi lavora da ambienti remoti, con la garanzia di avere l’end point protetto indipendentemente da dove risieda.

Formazione anche a "chilometro zero" con lo Zyxel Tour

Motivazioni che diventano elemento propositivo per il canale, cui Zyxel delega interamente le vendite e, proprio per questo motivo, sono imponenti gli sforzi del vendor per portare competenze nella propria rete dei partner, attraverso un fitto programma di formazione e di sviluppo congiunto di progetti che quest’anno vede il ritorno del tradizionale Zyxel Tour, il quale a partire dal mese di maggio riprenderà a toccare, in presenza, diverse città della Penisola dopo la pausa dello scorso anno dovuta all’emergenza sanitaria.

Su scuole e hotel i progetti Zyxel per il Pnrr
Networking e security sono, dicevamo, i punti di forza dell’offerta su cui Zyxel intende puntare e sulle quali sta coinvolgendo la propria rete di partner per poter trarre profitto dai fondi previsti dal PNRR relativi a progetti di trasformazione digitale in determinati ambiti di mercato. Due, principalmente, i mercati su cui Zyxel sta concentrando la propria attenzione: Education e HoReCa. Una delle aree più importanti su cui stiamo lavorando relativamente ai progetti legati ai fondi del PNRR è quella dell’Education – dettaglia Rosano -, con un progetto partito lo scorso settembre che coinvolge partner e distributori e che deve essere presentato entro il termine ultimo del prossimo 31 marzo”.

Si tratta di un progetto in fase avanzata portato avanti con la collaborazione di almeno 300 scuole, e che verrebbe gestito interamente attraverso i partner Zyxel. Un progetto importante che permetterà, inoltre, di aggiungere alla parte WiFi anche la parte di IT security, elementi non separabili soprattutto quando si parla di DAD ibrida, dove il tema del firewall rimane essenziale. All’Education si aggiunge poi il settore dell’HoReCa, un mercato che ha vissuto negli ultimi anni una profonda crisi e per il cui rilancio sono previsti fondi legati al WiFi e alla digitalizzazione in generale. Anche qui grande opportunità per i partner Zyxel, grazie anche alla copertura con i propri servizi di parco clienti composto da 15.000 alberghi a livello nazionale.

Progettisti e partner certificati per l’accesso ai programmi legati al Pnrr
Per affrontare in maniera concreta i progetti di digitalizzazione delle scuole abbiamo organizzato una rete di progettisti in grado di dare supporto agli istituti che non dispongono di personale IT", conclude Rosano. "Professionisti disponibili sul territorio che aiutino le scuole a definire le singole necessità e poterle esporre in maniera concreta ai propri fornitori IT, al canale. Proprio a tal fine, abbiamo iniziato un processo di selezione all’interno del nostro canale, attraverso una certificazione dei partner abilitati a seguire i progetti Education e la stessa cosa è stata fatta per l’ambito HoReCa” .