Della Apple Car si discute da anni, ma l’alone di mistero che circonda questo progetto della società di Cupertino (noto internamente come Project Titan e avviato nel 2014) è ancora spesso. Non impenetrabile, però. Dopo le recenti indiscrezioni che parlano di una batteria elettrica “rivoluzionaria”, sviluppata internamente da Apple, circolano ora nuovi rumors che fanno il nome di Hyundai Motor come possibile produttore della future automobile. 

 

Ora si scopre, attraverso fonti confidenziali di Bloomberg, che Huyndai è in trattative con l’azienda di Tim Cook, che la sta valutando come possibile partner del progetto. Il produttore sudocoreano ha inizialmente confermato di essere in trattative con Apple (fatto che le è valso un bel rialzo del titolo in Borsa) per poi ridimensionare il senso di quanto detto: “Ci risulta”, ha fatto sapere l’ufficio stampa in un secondo momento, “che Apple sia in trattative con una serie di produttori automobilistici mondiali, inclusa Hyundai Motor. Poiché la trattativa è in fase iniziale, nulla ancora è stato deciso”.

 

D’altra parte, secondo altre indiscrezioni di fine dicembre, bisognerà aspettare fino al 2024 prima di vedere sul mercato la futura Apple Car (ammesso che si debba chiamare così), dunque è del tutto verosimile che la società sia ancora lontana dall’aver scelto il suo partner tecnologico e commerciale definitivo.

 

A fine anno si era parlato anche del fatto che Apple, stando ai bene informati, sia intenzionata a sviluppare un’automobile “consumer”, venduta sul mercato, anziché destinata al servizio taxi come quelle di Uber e Waymo. Il vero competitor potrebbe essere forse Tesla, azienda che peraltro oggi potrebbe appartenere alla stessa Apple se soltanto Tim Cook avesse accettato, tempo addietro, la proposta di Elon Musk. Quel Musk che, tra parentesi, oggi è l’uomo più ricco del mondo: dopo gli ultimi rialzi delle azioni Tesla, il suo patrimonio personale ammonta a 188,5 miliardi di dollari, avendo superato anche quello di Jeff Bezos.